Downsizing: la casa piccola diventa affascinante

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Più grande è la casa, maggiore è il benessere.
Ma siamo proprio sicuri che questo trend degli anni passati sia ancora così in voga?

Negli ultimi anni il mercato immobiliare ha visto un nuovo fenomeno imporsi e influenzare le operazioni di molte persone: il downsizing.

Per una serie di fattori legati ai costi fissi, agli arredi, ma anche ad aspetti sociali, le case piccole hanno recuperato appeal nei confronti di quelle grandi e sono oggi sempre più scelte dai futuri proprietari e inquilini.

Ma cos’è esattamente il downsizing? Quali fattori nello specifico hanno favorito questo fenomeno? Scopriamolo insieme nel corso dell’articolo.

Cos’è il downsizing immobiliare

Il downsizing è la tendenza delle persone a cambiare casa scegliendo di passare da un’abitazione più grande a una più piccola, senza particolari motivi legati a fattori esterni come il cambio del lavoro, la rottura di un legame sentimentale o la necessità di vivere da soli.

Spesso, infatti, il downsizing è legato alla volontà di sentirsi meno legati alla propria abitazione, e se in passato si tendeva a valutare esclusivamente i vantaggi legati ad una casa più grande, oggi al contrario si tende ad osservare i benefit di una casa meno impegnativa, con tutti i vantaggi che ne conseguono per la persona.

I vantaggi del downsizing: dalle bollette al tempo libero

A ben pensarci, infatti, sono davvero numerosi i vantaggi legati al downsizing.

Una casa piccola sarà sicuramente meno spaziosa, ma le dimensioni ridotte presentano diversi aspetti positivi che normalmente non vengono presi in considerazione da chi non si è mai trovato a vivere in appartamenti dalle metrature più contenute. Vediamoli insieme.

Manutenzione e pulizia

In primo luogo, la manutenzione. Una casa più piccola, infatti, risulta molto più semplice da pulire, richiedendo decisamente meno fatica per lavare i pavimenti e pulire i mobili.

Potrebbe essere un’ottima scelta per le persone più anziane, così come per i giovani che non hanno molto tempo da dedicare alle pulizie di casa.

Anche ordinare i locali, di conseguenza, diventa estremamente più semplice e immediato.

Più tempo libero

C’è un altro vantaggio strettamente legato alla manutenzione rapida e veloce della casa: il tempo libero.

Quante domeniche avreste voluto concedervi una gita outdoor, magari in una giornata di sole, e invece siete stati costretti a rimanere a casa a mettere ordine?

Con una casa più piccola, tutto questo è passato. Avrete certamente più tempo libero per le vostre passioni come lo sport, la musica o la lettura, ma anche per un po’ di sano relax.

Riduzione costi del caro bollette

Ok, se l’energia risulta sempre più cara possiamo farci ben poco.

Ma è fatto oggettivo che un appartamento più piccolo raggiunga la temperatura d’esercizio molto prima di uno grande, con un notevole risparmio energetico che si traduce in un taglio dei costi.

Il ragionamento, poi, vale ovviamente anche d’estate quando ci troviamo a rinfrescarlo con l’aria condizionata

Maggiore liquidità

Quasi sempre, passare da una casa più grande a una più piccola comporta anche la diminuzione del canone d’affitto per l’inquilino, o del prezzo d’acquisto per il futuro proprietario rispetto a una soluzione analoga ma di dimensioni maggiori.

Oltre quindi a garantire una liquidità superiore, un appartamento più piccolo è in grado di conferire meno responsabilità e stress, contribuendo al benessere di una persona non soltanto dal punto di vista economico.

La checklist per un cambio casa perfetto

Certo passare a una casa più piccola non comporta automaticamente ed esclusivamente una serie di vantaggi per chi decide di fare questo passo.

Cambiare casa, infatti, può sempre portare a nuove difficoltà inattese, e per evitarle conviene sempre porsi una serie di domande come:

  • L’idea di una casa più piccola ci affascina, o la vivremmo al contrario come una forzatura?
  • Insieme alle dimensioni della casa, cambieremmo volentieri anche la sua locazione? (per esempio più in centro, ma anche in campagna)
  • Se il risparmio non è un obiettivo principale, vorremmo anche prendere un appartamento più lussuoso?
  • Ci sentiamo pronti a investire tempo nella ricerca di nuove case all’interno del mercato immobiliare?

Infine, la domanda per eccellenza che sempre più spesso si pone chi sta per abitare una casa più piccola: siamo davvero pronti a liberarci dei mobili, dell’arredo e di tutti gli oggetti dotati di legame affettivo che non troverebbero più spazio nella nuova abitazione?

La risposta non è sempre scontata, e talvolta anche solo la fatica di dover vendere tutto o l’idea di separarsi da un oggetto caro sono sufficienti per far desistere anche il downsizer più entusiasta.

Non separarti dagli oggetti a cui tieni!

Fortunatamente, esistono oggi diverse soluzioni per effettuare il downsizing in tutta serenità, senza dolorose rinunce e la necessità di separarsi dalle proprie cose.

Con i suoi Hotel delle Cose, Casaforte rappresenta la scelta ideale per chi vuole cambiare casa e non trova spazio nella nuova per tutti i mobili, oggetti d’arredo e strumenti legati ai propri hobby.

Gli Hotel delle Cose sono infatti presenti in tutte le maggiori città italiane, e sono dotati di sistemi di sicurezza come sistema d’allarme e videosorveglianza h24: gli oggetti più cari saranno al riparo da furti e deperimento, permettendovi di godere appieno tutto il comfort di un appartamento più piccolo.

Invia subito la tua richiesta