Come riutilizzare gli ombrelloni da mare

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

L’ombrellone da mare è un oggetto indispensabile per tutti i frequentatori di spiagge e piscine. Infatti gli ombrelloni ci consentono di vivere il mare e il sole in totale tranquillità, riparandoci dai raggi solari nelle ore più calde.

Proprio per questo motivo sono tra gli oggetti più usati e “usurati” durante l’estate insieme al kit da spiaggia per bambini, a causa dei continui trasporti e “sballottamenti”, caricati e scaricati in continuazione da automobili stracariche di oggetti e bagagli.

Ingombranti e generalemnte composti da diversi materiali, gli ombrelloni sono anche difficili da smaltire in maniera rispettosa dell’ambiente, aspetto che purtroppo spinge molte persone a liberarsene in maniera poco responsabile.

Esistono però alcune buone abitudini che ci aiutano a riutilizzare molte parti dell’ombrellone, riducendo così i rifiuti all’insegna del riciclo green.

Con il riciclo creativo è infatti possibile sfruttare fino in fondo le parti ancora sane dell’ombrellone, creando oggetti simpatici ed utili per la vita di tutti i giorni.

Vediamo quindi insieme quali sono le parti più facilmente riciclabili di un ombrellone.

Riciclare il telo di un ombrellone

Il telo dell’ombrellone è sicuramente la parte più facile da riciclare. Essenzialmente, tutti i teli sono realizzati con stoffe molto robuste e dai colori accesi: caratteristiche ideali per realizzare una serie di accessori come tovagliette da cucina e sottobicchieri.

Ci sono tuttavia altre applicazioni utili per questo materiale. Infatti la stoffa degli ombrelloni è ideale per creare borse di vario tipo, incluse pochette e shopper.

Per i più intraprendenti, inoltre, è possibile anche realizzare alcuni giochi come gli aquiloni per i bambini.

Tutto ciò che occorre è disporre di macchina per cucire, ago, filo. E se non si ha idea di come usarli, pazienza: su Youtube è possibile trovare una serie di tutorial che ci spiegheranno step by step come farlo.

Riutilizzo del manico

Con un po’ di fantasia, anche il manico può essere brillantemente riutilizzato.
La sua struttura semplice, lunga e rigida gli consente infatti di essere adattato perfettamente come lampada, da dotare poi di diversi complementi come i paralume.

Se l’arredo della casa fosse particolarmente moderno, poi, è possibile servirsene anche per la creazione di un appendiabiti da usare in diversi locali come il soggiorno, la cucina o il salotto. In questo caso in particolare risulterà assai utile conservare la base, evitandoci così di dover riciclare un altro elemento.

Come riutilizzare le stecche

Anche le stecche tramite un po’ di attenzioni possono trovare una seconda vita.

Per chi ha il pollice verde e la passione per l’orto, infatti, le stecche risultano utilissime in quanto, una volta liberate dalla struttura, possono essere infilate nel terreno per supportare la crescita delle piantine appena impiantate.

Infatti, le piantine necessitano di un supporto rigido per crescere dritte e sane, e nulla è più adatto delle stecche di un ombrellone in questo senso.

Ci sono tuttavia altri usi utili per questa parte dell’ombrellone. Infatti, parzialmente interrate e rivestite possono dare vita ad una originalissima fioriera.

Infine, perché no: se la struttura fosse sufficientemente solida da consentirlo, con le stecche sarebbe possibile creare un interessante stendino per il bucato.

Come riciclare la base di un ombrellone

Infine, la base: sicuramente uno degli elementi più difficili da riciclare.

Come detto, questa parte può innanzitutto essere riciclata come base di un appendiabiti.Se l’attacco del manico fosse universale, inoltre, la destinazione più ovvia risulta certamente quella di supporto per il nuovo ombrellone.

Per chiudere, un suggerimento per i più sportivi: nel caso in cui si disponga di due basi, infatti, è possibile creare il supporto per una semplice ma super efficace rete di pallavolo da campeggio.

Riponi il tuo ombrellone ancora sano in un Hotel delle Cose con Casaforte

Se invece il tuo ombrellone è ancora sano e hai il solo problema di trovargli un posto sicuro e asciutto in cui conservarlo durante i mesi invernali, gli Hotel delle Cose di Casaforte sono la soluzione che fa per te.

Casaforte mette infatti a disposizione un servizio di self storage agile e moderno, perfetto per l’archiviazione stagionale di attrezzi come l’ombrellone o altre attrezzature estive (frigo portatili, sedie, sdraio, materassini…).

Gli spazi variano da un minimo di 2 fino a un massimo di 120 mq, presentandosi come soluzione ideale per qualsiasi esigenza di spazio, e il personale qualificato ti aiuterà a sfruttare al meglio ogni cm e trovare la dimensione perfetta per il tuo self storage.

Contatta Casaforte e scopri gli Hotel delle Cose: i nostri centri sono distribuiti presso le maggiori città italiane, permettendoti di trovare facilmente quelli più vicini al tuo comune di residenza.

Invia subito la tua richiesta